Mille occasioni di festa feat. Beyoncé

Mille occasioni di festa feat. Beyoncé

venerdì 17 dicembre 2010

Occasione di festa numero 51.

Caro Babbo Natale,

di quest'anno, in fin dei conti, non posso lamentarmi troppo. La nostra nuova casetta è fantastica e soprattutto è nostra. Stiamo bene. Abbiamo passato una magica settimana alle isole Eolie, che conserviamo gelosamente per i momenti di malinconia. Ho visto dei bellissimi concerti (Carmen Consoli, U2, Samuele Bersani), ho ascoltato tanta musica, come ai bei tempi. Ho conosciuto molte persone nuove. Ma soprattutto ho ricominciato a leggere e ho capito un sacco di cose su me stessa che nemmeno lontanamente immaginavo. 
Negli ultimi mesi le cose non vanno molto bene, ma l'esperienza mi insegna a non mollare, a pensare che non sono sola, che sono parte di tutto ciò che c'è, che tutto passa, anche il dolore.
Voglio continuare a dedicarmi a questo blogghino con amore e dedizione, vedere dalla finestra ogni giorno alberi e montagne, bambini e cani che giocano al parco, continuare a essere una persona fondamentalmente buona, più onesta della media, e resistere nonostante tutto imponga di essere diversa per stare a galla in questo mondo, continuare a cucinare dolcini buoni e a curare le piante.
Però qualche desiderio ce l'ho, e, come tutti i bambini buoni del mondo, rivendico il diritto alla mia personale wishlist. In realtà sono due, una difficile e una facile. Mi affido al tuo buon cuore lappone.

Wishlist difficile

1) Vorrei trovare un nuovo lavoro. Un lavoro dignitoso ma che mi piaccia. Non voglio arricchirmi, vorrei esprimermi per ciò che sono e so fare, in modo onesto, e avere a che fare con persone oneste. Lo so cosa pensi, che questo desiderio è già molto impegnativo. Io ci metto del mio, tu del tuo e chiedi a San Culo se può partecipare pure lui.
2) Vorrei che succedesse qualcosa di molto bello, di bellissimo. A me, proprio a me. Sono molti anni che non succede. E quel desiderio lì, in particolare, quello che non ho nemmeno il coraggio di rivelare, ma che tu sai, ti prego dammi una manina a realizzarlo.
3) Vorrei fare un bel viaggio lontano da qui. Australia, Africa, India. Decidi tu.
4) Vorrei sconfiggere la bestia. Farla uscire dalla mia vita per sempre, o almeno per un bel po'. Piangere molto meno. Non sentire il suo toc toc e il suo fiato sul collo, le mani legate, le gambe che tremano. Guardarla in faccia mentre la caccio via a pedate nel culo.
5) Vorrei imparare a stare bene con gli altri, a sentirmi a mio agio, a far sentire loro ciò che ho dentro e che non riesco mai a far trasparire. Magari il blogghino può aiutare, ma solo per un 10%. Io contribuisco con l'85%, la tua incidenza calcolatela da solo.
6) Vorrei che ricominciare da capo fosse sempre più facile, che ogni sfida fosse un'opportunità.
7) Vorrei un Paese di cui andare fiera, che non prende la sua Storia e la calpesta, che ci fa desiderare di rimanere per renderlo sempre migliore ed esemplare agli occhi del mondo. Un Paese che abbia dignità e buona memoria.
8) Vorrei realizzare un mio progettino personale, ma non chiedermi di rivelare altro perché ho paura che porti male.
9) Vorrei superare alcune delle mie paure, una alla volta e senza fretta, ed essere sempre più autonoma, in tutti i sensi che la tua scatenata fantasia può immaginare.
10) Vorrei vedere serene e in salute tutte, ma proprio tutte, le persone che amo, e vedere che quella rivoluzione interiore di cui parlava Tiziano Terzani piano piano attecchisca negli animi di ogni persona che abita questa Terra disgraziata.

Ti immagino già disperato, caro vecchio Babbino. Ti sto mettendo alla prova, lo so. Ma, siccome sono buona, e vedi di ricordartene al momento giusto, ho una seconda wishlist da sottoporre alla tua attenzione. I desideri sono un po' più abbordabili, così tu sarai facilitato a fare bella figura.

Wishlist facile

1) Vorrei un animale domestico. Un gattino, o, se proprio non è possibile, un porcellino d'India.
2) Vorrei finire di arredare la casetta, soprattutto levare quelle lampadine penzolanti che urlano vendetta al buon gusto da ben otto mesi (No, dico: otto!).
3) Vorrei tornare a fare yoga e perdere quei chili che così impietosamente si sono depositati nei punti più inadeguati del mio corpo.
4) Vorrei ricominciare a guidare.
5) Vorrei potermi permettere, almeno quest'anno, di togliermi qualche piccolo sfizio: una bella borsa, un vestitino, qualche accessorio qua e là, avere i capelli un po' più sistemati, le cremine e i trucchi giusti, perché il mio animo glamourama è un po' deperito ultimamente.
6) Vorrei vedere un sacco di bei film e ascoltare tutta la musica bella che uscirà dal primo gennaio all'ultimo di dicembre 2011, non perdermi neanche un disco, ma che dico, una canzone.
7) Vorrei leggere l'ultimo libro di Aldo Nove, tutti i libri di Mario Rigoni Stern, i testi del Dalai Lama, di Thich Nhat Hahn e riprendere Calvino, Dostoevskij, Tolstoj.
8) Vorrei imparare ad attaccare un bottone e fare l'orlo ai pantaloni.
9) Vorrei piantare dei semi e vedere cosa succede.
10) Vorrei imparare a cucinare il ragù come lo fa mia mamma, sfornare dei biscottini decorati e riuscire a preparare anche solo il 5% delle ricette del libro di Eataly che mi ha regalato Giordano (1000 ricette, 5%... occazzo!!!).

Su, hai preso nota? Io ci ho messo un po' a scriverti queste due wishlist. In fondo so che a te non servono poi molto, ti basta guardare nel profondo di ognuno di noi perché, come diceva nonricordopiuchi, "i sogni son desideri... chiusi in fondo al cuor". Ma forse parlavo più a me stessa che a te, come mio solito. Scusami.

Buon Natale a tutti. Anche a te, Babbino, che lavori mentre gli altri si divertono. Almeno il contratto in regola ce l'hai?

6 commenti:

  1. Ciao cara, quanto mi riconosco in quello che scrivi! La maggior parte della tua lista la condivido, soprattutto quella difficile. Iniziamo noi a lavorarci su per il Natale prossimo!
    Un abbraccio fraterno

    RispondiElimina
  2. Cara Evita! Grazie e buon anno. Hai ragione, penso che la parte grossa del lavoro spetti proprio a noi. Da parte mia ci sto mettendo tanto impegno! Ci mettiamo come proposito per il 2011 di rivederci per un caffettino? Questo secondo me ci riusciamo a realizzarlo! ;)
    Bacini.

    RispondiElimina
  3. Ps Evitina, leggo ora il tuo blog. Quello che hai scritto è capitato a te? Ti abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina
  4. Caspita! Non avevo visto che c'era una risposta! Meno male che sono venuta a controllare! Certo, un caffè, un tè, un bidet.
    Sì, quello che ho scritto è successo a me, ma preferivo parlarne in terza persona.
    Grazie dell'abbraccio! Me lo prendo, e ricambio.

    RispondiElimina
  5. super fantastica wishlist...e mi hai dato spunti di riflessione. :-)

    RispondiElimina
  6. ne sono molto contenta Angela! :))

    RispondiElimina